L’importanza dell’innovazione non tecnologica per la produttività e il benessere

Nel moderno scenario globalizzato e altamente competitivo, le imprese cercano di inventare nuovi modi per arrivare prima dei loro concorrenti. Per questo motivo, gli investimenti in attività di Ricerca e Sviluppo (R&S) hanno visto un forte incremento, poiché le aziende cercano di innovare per differenziarsi dalle altre sul mercato.

Osservando le innovazioni possibili nelle imprese, si possono distinguere due tipi di innovazione. La prima è la cosiddetta innovazione tecnologica, che è strettamente legata alle innovazioni di prodotto e di processo. L’altra è l’innovazione non tecnologica che è generalmente associata alle innovazioni relative alla struttura dell’organizzazione e al marketing.

Qui ci concentrremo sulle innovazioni non tecnologiche all’interno di un’azienda, ed esploreremo i loro effetti sulla produttività e sul benessere. Ma prima, dobbiamo capire meglio cosa intendiamo per innovazioni non tecnologiche.

Un po’ di contesto sulle innovazioni non tecnologiche

L’innovazione ha sia aspetti tecnologici che non tecnologici, e molte volte per funzionare ha bisogno di entrambe le tipologie. Per esempio, la creazione di un nuovo prodotto basato principalmente su innovazioni tecnologiche spesso richiede nuovi metodi di marketing per una commercializzazione di successo.

Le innovazioni non tecnologiche sono state introdotte per la prima volta nel 2005 nel Oslo Manual creato dall’ Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD). L’ OECD definisce l’innovazione non tecnologica e le loro categorie come segue:

L’innovazione di marketing è l’implementazione di un nuovo metodo di marketing che prevede cambiamenti significativi nel design del prodotto o nella confezione, nel posizionamento del prodotto, nella promozione del prodotto o nel prezzo.

– Un’innovazione organizzativa è l’implementazione di un nuovo metodo organizzativo nelle pratiche commerciali di un’azienda, nell’organizzazione del posto di lavoro o nelle relazioni esterne.

Da allora, queste categorie di innovazioni non tecnologiche hanno cominciato a far parte delle indagini sull’innovazione dei Paesi, ma sono meno dettagliate rispetto alle innovazioni di prodotto e di processo.

Come sono legate le innovazioni non tecnologiche alla produttività e al benessere?

Come è stato menzionato sopra, le innovazioni non tecnologiche si riferiscono alle innovazioni di marketing e organizzative all’interno di un’azienda. Questi tipi di innovazioni giocano un ruolo di supporto ma allo stesso tempo sono essenziali per il successo aziendale.

Da un lato, ci sono le innovazioni di marketing ed è facile capirne l’importanza. Innovare nelle attività di marketing come la pubblicità, la vendita e la consegna dei prodotti ai consumatori o alle imprese aiuta ad aumentare la redditività di un’azienda aumentando le vendite o i margini di profitto. Tuttavia, perché il marketing abbia successo, i dipendenti devono essere creativi per trovare modi nuovi e innovativi per commercializzare i prodotti di un’azienda.

D’altra parte, le innovazioni organizzative portano i cambiamenti tanto necessari all’interno di un’azienda per abbattere le barriere strutturali che ne impediscono il successo. Alcune di queste barriere possono includere conflitti all’interno dell’azienda, critiche e pressioni, un controllo dall’alto troppo rigido, strutture e procedure eccessivamente formali e altro. Attraverso le innovazioni organizzative, le aziende possono affrontare questi problemi per creare una cultura dell’innovazione e incoraggiare i dipendenti a diventare più creativi.

Varie ricerche hanno dimostrato come i collaboratori cui è permesso essere innovatori sono più produttivi e coinvolti nel loro lavoro. Il coinvolgimento attivo dei lavoratori porta anche diversi vantaggi per il benessere dei lavoratori come:

1.      Maggiore soddisfazione a lavoro

2.      Performance migliori

3.      Meno stress

4.      Crescita personale

Pertanto, risulta evidente che l’innovazione, la produttività e il benessere non sono solo interdipendenti, ma si sostengono e rafforzano a vicenda. Le innovazioni organizzative aumentano la creatività e, a sua volta, la creatività porta a ulteriori innovazioni, tecnologiche o non tecnologiche, sul posto di lavoro.

Conclusioni

Per sopravvivere nel mondo degli affari altamente competitivo e globalizzato, le aziende hanno bisogno di investire sulle innovazioni. Tuttavia, prima di investire in nuove tecnologie per creare nuovi prodotti o migliorare i processi, le aziende devono guardare a ciò che sta accadendo al loro stesso interno. Passare a tipi di gestione più agili e incoraggiare i dipendenti ad essere creativi porterà alla generazione di una maggiore quantità di innovazioni all’interno dell’azienda e creerà una cultura positiva di benessere che permetterà ai dipendenti di prosperare.

Scopri di più su questa tema sul manuale di INNovaSouth disponibile qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *